TECNOS, WORKERS BUYOUT IN POSITIVO

TECNOS, WORKERS BUYOUT IN POSITIVO

Settore: COOPERATIVE

3 ago 2017

Vola verso il futuro. Con una storia di rinascita alle spalle, raccontata nel libro “Se chiudi ti compro. Le imprese rigenerate dai lavoratori", come uno dei casi di workers buyout di successo in Italia, la cooperativa Tecnos punta a nuovi mercati dopo due anni in segno positivo.

 

All'assemblea di bilancio 2016 della cooperativa industriale, specializzata nella produzione di mobili in kit per la grande distribuzione organizzata, soprattutto estera, con due stabilimenti, il primo storico a Belvedere Ostrense e il secondo, inaugurato nel 2009 a Monsano, con 86 dipendenti di cui 51 soci, oltre a circa 20 interinali medi, i numeri presentati si sono contraddistinti per il segno più anche grazie all'impegno di tutta la squadra nel portare avanti il piano di ristrutturazione avviato nel 2014 che sta proficuamente proseguendo anche grazie al supporto del mondo finanziario cooperativo. Il fatturato è stato di 21 milioni di euro, con una crescita di +25% sul 2015, di cui oltre il 75 % rivolto ai mercati esteri, con una crescita di quello extra Ue, e un utile di oltre 177 mila euro.

 

Gli sforzi e i sacrifici compiuti dal quadro dirigente e da tutti i soci, unito alla perseveranza nel portare avanti un progetto industriale di innovazione e ricerca di mercati emergenti, se pur nelle difficioltà di un contesto bancario e finanziario che difficilmente in Italia supporta e sostiene progetti di riconversione ed espansione commerciale, sono stati ripagati dai positivi riconoscimenti che il mercato continua a confermare e dal riequilibrio economico raggiunto, basi sulle quali la cooperativa intende proseguire nel suo sviluppo.

 

Dopo la ricerca dell'uscita dalla crisi economica che, va ricordato, ha colpito tutto il settore, Tecnos è sempre più orientata alla diversificazione dei mercati, da attuare con una strategia commerciale che punta ad espandere la sua presenza sul mercato europeo delle vendite on-line, settore fortemente in crescita, e l'ingresso nel mercato Usa a seguito dei recenti accordi commerciali con alcune delle più imporanti catene distributive al mondo.

 

L'assemblea dei soci, alla presenza di Camillo De Berardinis, vicepresidente Cfi, Maurizio De Santis di Cfi e responsabile cooperative industriali Ancpl Legacoop, collegato via skype, Massimo Lanzavecchia, responsabile di settore di Legacoop Marche Produzione e Lavoro, ha confermato i vertici aziendali, guidati da Alvaro Guidotti. Un ringraziamento speciale è andato all'uscente vicepesidente Vittorio Belardinelli, oramai in pensione, per il suo impegno portato avanti per lo sviluppo della Tecnos.

 



SUGLI STESSI ARGOMENTI: Tecnos



bots

LEGACOOP MARCHE - Ancona | Cod. Fiscale 80003990423
È vietata la riproduzione dei testi pubblicati nel sito